Archivi

La biblioteca Palatina ha raccolto anche alcuni archivi di protagonisti della storia parmigiana dell’Ottocento e del Novecento:

  • Archivio Andrea Borri (1935-2003), notaio, deputato dal 1976 al 1994, presidente della Provincia di Parma dal 1999 al 2003;
  • Archivio Carlo Buzzi (***), parlamentare dal 1952 al 1983, senatore per due legislature, membro del Governo, a lungo presidente dell’Associazione Italiana Maestri Cattolici;
  • Archivio Baldassarre Molossi (1927-2003); contiene la corrispondenza relativa agli anni della sua direzione (1957-1992) dello storico giornale locale La Gazzetta di Parma;

Archivio Buzzi

L’archivio è stato donato dagli eredi alla Biblioteca nel 2005, mentre l’Associazione Centro Studi “Card. A. Casaroli”, nella persona del Presidente Corrado Truffelli, è stata il tramite per il reperimento dei fondi (concessi dalla Fondazione Cariparma) e del personale necessari all’esecuzione del lavoro.
Le Carte Buzzi trattano dei principali fatti di storia politica nazionale e locale, coprendo un arco temporale che si estende dal 1945 al 2004.
I contenuti dell’archivio riguardano la corrispondenza avuta con i nomi più importanti della politica nazionale e locale; vi sono inoltre raccolte di giornali, riviste e rassegne stampa, dati statistici inerenti votazioni locali e nazionali, materiale di propaganda elettorale, testi di proposte e disegni di legge, fotografie.

Carlo Buzzi iniziò l’attività politica nel 1946, quando fu eletto Consigliere Comunale a Parma, realizzando con coerenza quella sintesi tra fede e politica, fra impegno religioso e impegno nel sociale che egli ha sempre considerato come un preciso dovere.
Fu Presidente provinciale e nazionale dell’Associazione Italiana Maestri Cattolici; Segretario provinciale del Sindacato Nazionale della Scuola Elementare e membro del Comitato direttivo centrale; componente del Consiglio generale della C.I.S.L. parmense. Fu presidente nazionale dell’Ente Nazionale di Assistenza Magistrale nonché fondatore e presidente della Federazione Italiana Scuole Materne parmense.
Svolse un’intensa azione nel campo educativo e sociale occupandosi dell’assistenza dei minori come Commissario provinciale dell’Ente nazionale per la protezione morale del fanciullo. Incessante fu anche il suo impegno nella Democrazia Cristiana: consigliere comunale a Parma, membro dei Comitati provinciale e regionale dell’Emilia-Romagna, poi Senatore del Collegio di Parma

Archivio e Biblioteca Micheli-Mariotti

Le raccolte appartenenti a questo fondo sono il risultato della fusione delle biblioteche e degli archivi personali di Giuseppe Micheli (1874-1948) deputato, senatore e ministro, e dello zio Giovanni Mariotti (1850-1935), a lungo sindaco di Parma e anch’egli deputato e senatore [scarica l’inventario]

La Biblioteca, ricca di preziose cinquecentine e seicentine, consta di circa 6.000 volumi e 15.000 opuscoli, parzialmente accessibili attraverso schede catalografiche per autori, di tipo tradizionale.
L’Archivio si presenta invece come una notevole raccolta di materiale eterogeneo, che ha come dato comune la storia di Parma e provincia dal medioevo ad oggi. Sono tre i principali nuclei documentaristici:

  • archivio storico, ovvero i documenti storico-giuridici raccolti dal Micheli nella sua attività di studioso e di erudito; la tipologia del materiale spazia da appunti, carteggi, documenti notarili e processuali, pergamene, documenti amministrativi, economici e politici degli stati parmensi, ecc.:
    • I. Archivi aggregati (1901-1944; con docc.dal 1852) [Adobe PDF];
    • II. Studi storici (1907-1943; con docc. dal 1798) [Adobe PDF];
  • archivio politico-familiare, ovvero i documenti della famiglia Micheli, con particolare riguardo al ruolo politico dello stesso Micheli nella sua attività di cattolico popolare, e dello zio Giovanni Mariotti:
    • Carte personali e di famiglia (1897-1946) [Adobe PDF];
  • archivio ministeriale di Giuseppe Micheli: si tratta del carteggio tenuto in qualità di Ministro dell’Agricoltura e dei Lavori Pubblici:
    • I. Movimenti cattolici (1892-1948; con docc. dal 1867) [Adobe PDF];
    • II. Attività economico-produttive (1894- 1944) [Adobe PDF];
    • III. Attività diverse (1902-1935) [Adobe PDF];
    • IV. Infrastrutture e territorio (1904-1948; con docc. dal 1859) [Adobe PDF];
    • V. Ministero Agricoltura (1920-1921) [Adobe PDF];
    • VI. Ministero LL. PP. (1921-1922) [Adobe PDF];
    • VII. Attività politica del secondo dopoguerra (1943-1948) [Adobe PDF];
    • VIII. Ministero Marina (1946-1947) [Adobe PDF];

Queste ultime due parti dell’archivio, ovvero le carte che riguardano più direttamente le figure storico-politiche di Giovanni Mariotti e Giuseppe Micheli, sono state riordinate e trattate con una catalogazione informatizzata. Sono inoltre presenti 120 manoscritti letterari in volume dei secoli XVI-XVIII.

Carteggi

Epistolario parmense

L’epistolario, ancor oggi aperto alle nuove accessioni, raccoglie lettere di personaggi illustri e di meno note figure legate al mondo parmense, dei secoli XVI-XX, acquisite per dono o per acquisto dalla Biblioteca. Nel 1911 Antonio Boselli, Bibliotecario incaricato dall’allora direttore della Biblioteca Edoardo Alvisi di riordinare l’epistolario, lo divise per singole persone o per famiglie, e al loro interno ne riordinò le singole lettere per ordine alfabetico di mittente. Diviso in cassette, comprende:

  • Carteggio I. Affò (1741-1797): cassette 1-24;
  • Carteggio G. B. Bodoni (1740-1813): cassette 25-60;
  • Carteggio di Margherita Dall’Aglio, vedova Bodoni (1758-1841): cassette 61-64;ù
  • Carteggio P. M. Paciaudi (1710-1785): cassette 65-95;
  • Carteggio card. A. Farnese (1520-1589): cassette 96-108;
  • Carteggio G.B. De Rossi (1742-1831): cassette 109-123;
  • Carteggio L. Bramieri (1757-1820): cassette 124-127;
  • Carteggio Farnese (sec. XVI-XVIII): cassette 128-131;
  • Carteggio Gonzaga (sec. XVI-XVII): cassette 132-134;
  • Carteggio A. Mazza (1724-1797): cassette 135-140;
  • Carteggio V. Siri (1608-1685): cassette 141-144;
  • Carteggio Albergati-Capacelli (1728-1804): cassetta 145;
  • Carteggio G. Fantuzzi (1718-1799). cassetta 146;
  • Carteggio M. Girardi (1713-1797): cassetta 147;
  • Carteggio T. Ravasini (1665-1715). cassetta 148;
  • Carteggio famiglia Smeraldi (sec. XIV-XVII): cassetta 148;
  • Carteggio A. Ronchini (1812-1890): cassetta 149;
  • Carteggio frammentario (cassette 150-164);
  • Carteggio P. Zani (1748-1821): cassette 165-167;
  • Carteggio A. Tommasini (1780-1839): cassette 168-170;
  • Carteggio G. Tommasini (1768-1846): cassette 171-183;
  • Carteggio R. Tonani (1759-1833): cassette 184-189;
  • Carteggio Pezzana (1772-1862): cassette 190-235;
  • Carteggio Sanvitale – Simonetta (sec. XIX): cassette 236-264;
  • Carteggio C. Pigorini Beri (1845-1924): cassette 265-273;
  • Carteggio in riordinamento (cassette 274-281);
  • Carteggio G. Galilei e allievi (cassetta 282);
  • Carteggio M.Leoni – G. De Castagnola (1776-1858): cassetta 283;
  • Carteggio L. Testi (1857-1924): cassette 284-285;
  • Carteggio e documenti L. Barbieri (1827-1899): cassette 286-287;
Carteggio Lucca

Acquisito insieme al fondo Palatino dei Borbone-Lucca nel 1865, è conservato in 6 cassette e raccoglie autografi di personaggi vari.

Carteggio Michele Colombo (1747-1838)

Rilegato in 14 volumi, importante per le osservazioni letterarie che emergono dalle lettere.

Raccolte documentarie

La Biblioteca Palatina raccoglie anche un certo numero di fondi documentari; tra essi segnaliamo:

  • Fondo P. Casapini (1773-1842);
  • Fondo Moreau de Saint-Méry (1750-1819);
  • Carte Paciaudi, con documenti relativi ai suoi studi, ai suoi incarichi e all’Ordine di Malta;
  • Carte Pezzana, che raccolgono documenti e gli autografi delle sue opere;ù
  • Carte Perreau (1827-1911);
  • Carte provenienti dal Monastero di Sant’Ulderico e dal Monastero di San Giovanni;
  • Carte della famiglia De Rossi;
  • Carte L. Bramieri (1757-1820);ù
  • Manoscritti di Pietro Vitali (1759-1839);
  • Manoscritti Tommasini (1768-1846);
  • Carte Boselli (da riordinare) (1879-1955);
  • Carte Lina Gozzi (da riordinare);
  • Carte Luigi Barbieri (1827-1899);
  • Fondo Emilio Casa (1819-1904);
  • Carte Laudadeo Testi (1857-1924);
  • Carte cambio Giordani (Santorini, Girardi, Covolo, Mistrali, Pizzetti, Gasparotti et al.);
  • Carte G. Rasori (1766-1837);
  • Carte Italo Pizzi (1849-1920);
  • Carte Tommaso Gasparotti (1785-1847).

Cataloghi

Catalogo in rete

OPAC del Sistema Bibliotecario Parmense. Il catalogo elettronico, nato nel novembre 2001 dalla fusione dei preesistenti cataloghi cittadini e realizzato con il software Sebina Indice, comprende oltre un milione di registrazioni bibliografiche di documenti posseduti dalle biblioteche del Comune di Parma, dalle biblioteche di ente locale della Provincia di Parma, dalle biblioteche dell’Università degli Studi di Parma, dalla Biblioteca Palatina e dalle biblioteche di altri istituti statali, ecclesiastici e privati parmensi. Aderiscono al Polo parmense 98 biblioteche.

Nella base dati è confluita la gran parte dei documenti a stampa entrati in Biblioteca Palatina dall’inizio del ‘900 e recuperi di fondi acquisiti precedentemente, il più rilevante dei quali è il Fondo Palatino.

Le cinquecentine italiane della Biblioteca sono censite in Edit16.

Cataloghi manoscritti
Catalogo alfabetico per autori Paciaudi

Il catalogo, la cui redazione copre gli anni che vanno dal 1762 al 1929 circa, consta di circa 200.000 schede mobili, manoscritte, del formato di cm 9,50 x 6. Adottato da P. M. Paciaudi, primo bibliotecario della Biblioteca Palatina, che compilò molte schedine di proprio pugno, è il primo catalogo alfabetico a schede mobili in Italia

Catalogo alfabetico per autori Alvisi

Catalogo dei libri a stampa entrati in biblioteca dalla sua fondazione (1762) sino al 1900. Il catalogo è composto da 42 volumi (formato 53 x 43 cm) di cui 6 di supplementi, contenenti ciascuno circa 120 carte. Fu compilato da Alvisi tra il 1893 e il 1915.

Il catalogo è consultabile on-line.

Catalogo sistematico delle miscellanee erudite

È un catalogo in un unico volume, manoscritto, degli opuscoli raccolti in volume, organizzato in base al formato dei medesimi (in-folio, in-quarto, in-octavo). Il catalogo è consultabile on-line.

PATRIMONIO BIBLIOGRAFICO

Organizza la tua visita
Le Opere
Eventi e Novità
I Servizi