Gianluigi Trovesi in trio con Roberto Bonati al contrabbasso e Marco Remondini al violoncello per il ParmaJazz Frontiere Festival

Home/Concerti, Eventi, Evidenza, Novità/Gianluigi Trovesi in trio con Roberto Bonati al contrabbasso e Marco Remondini al violoncello per il ParmaJazz Frontiere Festival

Gianluigi Trovesi in trio con Roberto Bonati al contrabbasso e Marco Remondini al violoncello per il ParmaJazz Frontiere Festival

2022-11-08T11:28:28+01:00

Il concerto si svolgerà il 10 novembre alle ore 19.30 nei Voltoni del Guazzatoio, in sostituzione della data degli NRG Bridges del 6 novembre

Sospeso per cause di forza maggiore il concerto degli NRG Bridges, Gianluigi Trovesi salirà comunque sul palco dei Voltoni del Guazzatoio giovedì 10 novembre alle 19,30 con due grandi amici di sempre: Roberto Bonati al contrabbasso e Marco Remondini al violoncello. Già unici archi del pluripremiato Ottetto di Trovesi, un progetto che ha preso l’avvio ai primissimi anni ‘90 e che ha fatto moltissimo parlare di sé fino a qualche anno fa, Bonati e Remondini hanno costruito nel tempo un’intimità musicale con Trovesi. Assieme torneranno a viaggiare lungo le suggestioni dei suoni del Mediterraneo tanto cari all’Ottetto per incontrare la ricerca musicale di ciascuno in un melting pot fatto di passione, raffinatezza ed ironia.

Gianluigi Trovesi

Nativo della provincia di Bergamo, sassofonista, clarinettista e compositore, ha studiato clarinetto e armonia, contrappunto e fuga con il maestro Vittorio Fellegara. Da subito impegnato in un’attività differenziata e multiforme, ha suonato in complessi di musica accademica e in orchestre da ballo, anche se la sua passione è stata da sempre quella per il jazz. Trovesi è infatti, a tutt’oggi, un jazzista polivalente: i suoi strumenti preferiti sono clarinetto e sassofono. In qualità di compositore, nel corso degli anni ha saputo trovare una sua cifra espressiva ben nota tra gli appassionati, mescolando il jazz in tutte le sue forme a suggestioni della musica folkloristica e popolare italiana.

Nel 1977 ha iniziato la sua carriera da leader, come si dice in gergo jazzistico, fondando un trio con Paolo Damiani al basso e Gianni Cazzola alla batteria. Il primo LP pubblicato con questa formazione s’intitolava “Baghét” e uscì un anno dopo la creazione del gruppo. I riconoscimenti furono immediati: il disco ricevette il Premio della Critica Discografica italiana. Contemporaneamente Trovesi vinse il primo premio nel Concorso Nazionale per Sassofono e Clarinetto, ed entrò a far parte della Big band della RAI di Milano come primo alto e primo clarinetto. Nel corso del decennio degli ottanta, Trovesi vinse per due volte il referendum “Top Jazz” indetto tra i lettori della prestigiosa rivista specializzata “Musica Jazz”: il primo nel 1985 per il suo album “Dances”, e il secondo nel 1988 come miglior musicista jazz italiano dell’anno.

Roberto Bonati

Compositore, contrabbassista, direttore d’orchestra. Nato a Parma nel 1959, deve la sua formazione allo studio del contrabbasso, agli studi letterari e di Storia della Musica. Studia composizione con Gianfranco Maselli e Herb Pomeroy, direzione d’orchestra con Kirk Trevor. Presente sulla scena italiana dal 1980, ha al suo attivo una lunga esperienza come solista e leader di propri ensemble, oltre venti anni di collaborazione con Giorgio Gaslini e con Gianluigi Trovesi, e all’interno di prestigiose formazioni cameristiche (Ensemble Garbarino e Quartettone) e sinfoniche (orchestre della Rai di Milano e Torino). Ha effettuato numerose tournée in Italia e in Europa e ha suonato e/o tenuto workshop in Europa, Stati Uniti, Canada, Cipro, Messico, Tunisia, Marocco, Cina, Egitto, Mozambico, Kenya, Etiopia, Lituania, Turchia, Sud Africa. Dal 1996 è Direttore artistico di ParmaFrontiere e ParmaJazz Frontiere e dal 2002 è docente di Composizione Jazz e Improvvisazione e responsabile del Dipartimento di Nuove Tecnologie e Linguaggi Musicali presso il Conservatorio A.Boito di Parma.

Nel 1998 ha creato la ParmaFrontiere Orchestra per la quale ha composto: I Loves you Porgy (1998); Le Rêve du Jongleur: memorie e presagi della Via Francigena (1999); …poi nella serena luce… nine poems by Attilio Bertolucci  (2000); The Blanket of the Dark, a Study for Lady Macbeth (2001); A Silvery Silence, frammenti da Moby Dick” (2003); Shahrazàd, racconti dalle Mille e una Notte (2004); Fiori di Neve (2007) on japanese HaikuOmaggio a Giorgio Gaslini ( 2015); Stabat Mater (2020).

Nel 2000, su commissione del Festival de la Medina di Tunisi, ha presentato Chants des Troubadours con il suo Chamber Ensemble .

Del 2005 è la produzione Un Sospeso Silenzio, dedicata a Pier Paolo Pasolini.

Fiori di neve (2007) è ispirato alla tradizione letteraria degli Haiku, e segna l’approfondimento del dialogo con lo strumento voce grazie alla collaborazione con Diana Torto.

Nel 2011 fonda l’etichetta discografica ParmaFrontiere e pubblica, in trio con Alberto Tacchini e Roberto Dani, “Bianco il vestito nel buio”, un progetto nato da una commissione del Verdi Festival.

Del 2013 è il lavoro per duo contrabbasso/voce Heureux comme avec une femme con Diana Torto.

Nel 2018 con l’etichetta ParmaFrontiere pubblica Norwita (Tor Yttredal sax, Tore Johansen-tromba, Mario Piacentini-pianoforte, Roberto Bonati- contrabbasso e Marco Tonin- batteria).

Il Suono Improvviso, DVD del concerto al Teatro Regio di Parma nel 2015 e il cd Whirling Leaves (registrato all’ Abbazia di Valserena nel 2017)

2019 Roberto Bonati conquista la sua dimensione più intima con Vesper and Silence,

Roberto Bonati ha maturato negli anni una scrittura molto particolare, approdando ad una sintesi dei molteplici linguaggi musicali che ha frequentato; la sua musica attinge costantemente alla contemporanea e al jazz, un jazz che non è mai genere ma linguaggio, raffinato e capace di costruire intensi pannelli emotivi restituendo in chiave differente poesia e cultura, grazie anche ad un particolarissimo uso della vocalità.

Marco Remondini

Si diploma in violoncello nel giugno 1990. Fa parte del Trapezomantilo con N. Negri, S. Guiducci e R. Biancoli e con  questa formazione vince il Jazz Contest nel 1991 e incide quattro Cd.

È membro della Scraps Orchestra, gruppo cantautoriale con tre cd all’attivo (l’ultimo e il prossimo editi da il Manifesto), una vittoria al Festival di Recanati del 1999, la collaborazione con Dario Fo, Lella Costa, Alda Merini, Piero Nuti e Adriana Innocenti. Nel 1991 è chiamato da Gianluigi Trovesi nel Trovesi Octet che ultimamente incide per l’ECM. Lavora poi con Trovesi in altri progetti, tra i quali Acquerello (con Coscia, Guiducci e l’attore Franceschini), Trovesi all’Opera (con la Filarmonica Mousikè, dove ha curato parte degli arrangiamenti).

Ha condiviso il palco con: Paolo Fresu, Gunter Sommer, Stefano Beccalossi, Rudi Migliardi, Arturo Testa, Massimo Greco, Franco Battiato, Mario Visentini, Omero Antonutti, Vincenzo Cinaschi, Alda Merini, Pietro Nuti, Adriana Innocenti, Lella Costa, Bebo Storti, Giuliano Brunazzi, Maurizio Donadoni, Piergiorgio Odifreddi, Valeria Solarino, Flavio Oreglio, Davide Riondino, il marionettista Giorgio Gabrielli, la compagnia di danza Ersilia danza di Laura Corradi, la danzatrice C. Olivieri. Nel pop si trova negli ultimi lavori di Giuni Russo.

Ha progetti con Roger Rota e Stefano Bertoli, Massimo Greco, Giancarlo Zucchi e Alberto Ferrarini. Lavora spesso con video, disegni, danza, prosa. In ambito multidisciplinare ha un progetto che gira attorno alla figura di Tazio Nuvolari, comprensivo di materiale musicale originale, danza, documenti, disegni e testimonianze; e altri, sul tema del “viaggio”, con Trovesi e Roberta Visentini.

È entusiasta quando riesce ad abbinare la musica al Teatro, alla Pittura, all’Immagine, alla Danza,… ai Burattini. Ha un suo progetto, “ASYMETRIQUE”, con all’attivo due Cd, che porta in giro come “solo” o con l’aggiunta di uno o più strumenti, uno o più ballerini, … voce “recitante” e cantato o meno, nonché un Duo col trombettista Massimo Greco con il quale condivide il lavoro “Note da Cinema”.

Biglietteria

È possibile acquistare il biglietto in prevendita sul sito https://www.eventbrite.it/ o – il giorno del concerto, a partire dalle ore 19:00 – nei Voltoni del Complesso Monumentale della Pilotta (Piazzale della Pilotta, 15 – 43121 Parma).

Costi dei biglietti

Intero: € 20

Ridotto: € 5 (riservati a: under 25, studenti del Conservatorio A.Boito di Parma e possessori di tessera degli Amici della Pilotta; si possono prenotare esclusivamente contattando ParmaFrontiere – Tel. 0521. 238158 e 0521.1473786 – info@parmafrontiere.it)

Per informazioni

ParmaFrontiere

tel. 0521 238158 – 0521.1473786

e-mail: info@parmafrontiere.itwww.parmafrontiere.it

Organizza la tua visita
Il Complesso monumentale
Opere e Collezioni
I Servizi

EVENTI E NOVITÀ

Torna in cima